I segreti degli alimenti per mangiare sano

Mangiare è una necessità e proprio per questo spesso lo facciamo in maniera meccanica ed abitudinaria. Ma nutrirsi bene è fondamentale per la salute dell’organismo e per il benessere della mente. Spesso molti disturbi passano inosservati e non ci curiamo più di tanto nemmeno di fare una visita specialistica. Per ovviare a tutto ciò basterebbe imparare a conoscere il proprio corpo e scoprire come mangiare bene e sano, evitano fastidiosi problemi.

Come mangiare sano

I poteri benefici dei “batteri buoni”

Vi parleremo della testimonianza di Silvia, che durante la sua infanzia e adolescenza ha sofferto di allergie ed attacchi di emicrania. Arrivata ai 20 anni le emicranie erano scomparse, ma non tutto il resto, compresi insonnia, mal di stomaco e depressione. Durante gli anni, Silvia, riceve delle cure mediche per alcuni disturbi, come l’inalatore per l’affanno, sedativi per le emicranie e antidepressivi. Ma in realtà il perché dei suoi disturbi non è stato mai scoperto. Nessuno ha mai immaginato che tutti questi disturbi potevano essere sintomi della stessa patologia, potevano avere la stessa causa, ovvero uno squilibrio di batteri nel tratto digestivo. Ma poi 4 anni fa, Silvia ha cambiato le sue abitudini, iniziando a fare yoga ogni giorno e seguendo una alimentazione sana. Il segreto del suo recupero è stata l’assunzione di probiotici o batteri benefici che è possibile trovare in prevalenza in alimenti come yogurt, kefir o formaggi stagionati. Una carenza di “batteri buoni” nel tratto gastrointestinale può colpire qualsiasi apparato del corpo, dall’apparato respiratorio a quello digerente. Per qualcuno l’idea di ingerire intenzionalmente dei batteri per migliorare la salute può sembrare assurda. Dopo tutto, non proviamo ogni giorno a liberare le nostre stanza dai batteri per evitare malattie? Da alcuni studi recenti, è risultato chiaro che la salute del corpo dipende molto anche dal tipo di batteri e microbi che vivono all’interno di esso.


I batteri non sono solo causa di malattie, ma aiutano anche la buona salute. È una visione molto diversa dei batteri di cui sentiamo sempre parlare. Milioni e milioni e milioni di microrganismi di vari ceppi risiedono nel tratto gastrointestinale, dallo stomaco al colon. Secondo alcuni studiosi è da qui che parte il benessere generale. Quando il corpo rileva i primi batteri nocivi oppure una crescita eccessiva di batterie o elementi invasivi dall’esterno, genera una risposta immunitaria che vi farà sentir male ma contemporaneamente ucciderà gli invasori. La reazione del corpo rispetto ai batteri benefici è esattamente opposta. I “batteri buoni” calmano la risposta immunitaria non solo nello stomaco, ma in tutto il corpo aumentando di conseguenza il benessere e proteggendo l’organismo da batteri nocivi. Una comune causa di squilibrio batterico è dato dall’uso di antibiotici, potenti farmaci che uccidono non solo i loro bersagli, ma quasi tutto ciò che incontrano sul loro cammino, compresi i batteri intestinali benefici. Gli studiosi, inoltre, hanno trovato antibiotici anche se in misura minima, nella carne trattata e in acqua potabile in commercio. Un altro fattore di squilibrio batterico è dato dalla dieta occidentale che è ricca di sostanze di cui i batteri nocivi si nutrono e che li aiuta a prosperare. Il risultato è una sovrabbondanza di batteri nocivi che possono causare problemi gastrointestinali come costipazione e, a lungo andare, infiammazione intestinale. Per cui è meglio capire come mangiare sano ed evitare questi fastidisi disturbi.

Una formula unica per un benessere sconfinato

Volete scoprire come mangiare sano? Cliccate su www.styleoga.it e scoprirete come perdere peso o semplicemente mantenere la propria forma, riscoprendo una alimentazione sana grazie ad una rieducazione alimentare e sportiva. Questa formula è unica nel suo genere e porterà benessere non solo al corpo ma anche alla mente. In fondo i nostri antenati non sbagliavano nel dire “mens sana in corpore sano”.

Condividi questo contenuto sui social...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento