Oli essenziali per i capelli secchi

Per curare i capelli si è disposti a provare di tutto, e gli oli essenziali sono fra le alternative più valide. Si tratta infatti di sostanze naturali che si rivelano particolarmente adatte soprattutto in quei casi in cui i problemi dei capelli siano causati dallo stress e dagli agenti atmosferici. Ecco una piccola guida che vi spiega quali sono i migliori e più efficaci oli essenziali per capelli secchi.

Se ti sono piaciuto... condividimi !
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter

Siamo sempre di corsa, con poco tempo a disposizione da dedicare a noi stesse, e se un tempo potevamo permetterci il lusso di impacchi e maschere rivitalizzanti per la nostra capigliatura, oggi non possiamo più, se non occasionalmente.

E proprio in queste occasioni più o meno sporadiche, le coccole degli oli essenziali rappresentano un balsamo (scusate il gioco di parole… ) per i capelli. Attenzione però a non esagerare, però, non serve usare un olio essenziale ad ogni lavaggio, basta anche una sola volta alla settimana, ogni quindici giorni o quando si riesce a ritagliarsi un pò di tempo.

oli essenziali per capelli secchi

Oli essenziali per capelli secchi: quali scegliere

Ovviamente non tutti gli oli essenziali sono utili per i capelli e non tutti hanno le stesse proprietà, per cui è il caso di informarsi con l’erborista prima di acquistarne uno solo perchè ha un buon aroma o si è sentito nominare da qualcuno. Ad esempio, se i capelli sono spenti e opachi, l’olio di limone è più indicato dell’olio di lavanda, mentre a fronte di una situazione in cui la cute è irritata, è meglio il contrario.

Oli essenziali per capelli secchi: la calendula

Nel caso dei capelli privi di vita, stanchi, che cadono senza forma nè vitalità, uno degli oli più efficaci è l’olio essenziale di calendula. Quest’olio vanta infatti importanti proprietà in termini lenitivi e protettivi, così va a coccolare i capelli aiutandoli di volta in volta a recuperare tono e salute. Non bisogna eccedere in quantità, tre o quattro gocce di olio di calendula nello shampoo o nel balsamo sono più che sufficienti, mentre se si vuole fare un impacco a base di olio essenziale ‘puro’, senza shampoo o balsamo, non si deve applicare l’olio direttamente sulla capigliatura, bensì diluirlo in quello che viene definito olio vettore.

Olio vettore per i capelli

Si tratta di un olio di base, che è per sua natura neutro e non aggressivo per la cute, e funge da mediatore tra la pelle, i capelli e l’olio essenziale scelto: di solito si usa l’olio di mandorle dolci, che è molto utile da tenere in casa perchè di grandissimo aiuto per l’idratazione della pelle, soprattutto in periodi stressanti come la gravidanza.

Una ricetta per la cura dei capelli secchi

Croce e delizia di ogni donna che si rispetti, i capelli tendono a dare preoccupazioni accanto alle soddisfazioni, perchè si rovinano in fretta e poi riportarli in salute non è semplice, o perlomeno non è immediato.

Del resto, per quante cure possano ricevere, i capelli sono esposti agli agenti atmosferici e risentono dello stress, per cui spesso sono spenti perchè siamo noi ad esserlo…

In ogni caso, per rimediare allo stato di questi capelli che pendono flosci e privi di vita sulle spalle, basta fare la spesa e preparare in pochi minuti una ‘cura ricostituente’.

I dosaggi: 2 uova, solo albumi, il succo di 1 limone ed 1 bicchierino di aceto.

Le uova servono per dare nutrizione al capello e renderne più forte la fibra, mentre il limone pulisce in profondità, fortifica e dona lucentezza; l’aceto arriva alla fine per togliere l’odore dell’uovo, che è difficile da portar via.

E l’odore dell’aceto? Non è certo il massimo, però sciacquando ripetutamente, con molto, moltissimo impegno, finisce per attenuarsi. Altrimenti si può usare uno shampoo neutro per eliminarlo, ma sarebbe comunque meglio portare a termine il trattamento solo con elementi naturali.

Il composto va distribuito accuratamente sull’intera lunghezza dei capelli, soprattutto sulle punte, che sono le prime ad essere colpite dal problema dell’aridità, praticando un leggero massaggio per farlo penetrare a fondo.

Poi si avvolgono i capelli in un asciugamano e si tiene in posa per 20-30 minuti, per poi risciacquare, prima con acqua tiepida poi, alla fine, con una bella sferzata di acqua fredda.
Per produrre effetti significativi, l’impacco deve essere fatto almeno una volta alla settimana, con costanza.

Se ti sono piaciuto... condividimi !
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento